Intervista a Antonino Fazio

L'Autore

Nessun dato inserito

Sei l'Autore?
Vuoi completare la scheda e inserire novità e completare il tuo curriculum letterario?
Clicca qui e aumenta la tua visibilità.

Il suo libro

Incendio silente

Narrativa

Acquista online

03/10/2017

Antonino Fazio, è nato a Tusa (Me) il 15 agosto del 1949. È laureato in lettere, adesso è in pensione. Ha insegnato nelle scuole secondarie del Veneto, dell’Emilia, della Toscana e della Sicilia, anche per il piacere di entrare a contatto con diverse realtà del nostro Paese. Ha viaggiato molto in tutta Europa e anche altrove e ciò ha sicuramente contribuito ad arricchire le conoscenze e la sua stessa personalità. Ha già pubblicato un altro libro Fiaba da longitudine est. Attualmente vive a Tusa.

Nuove parole, nuove emozioni. Eccoci con un'altra intervista. Oggi parliamo di Antonino Fazio, autore del libro “Incendio silente”.

Cominciano da questo libro: La copertina colpisce subito. Il titolo poi è molto diretto. Come mai questo titolo?
Perché in fondo in ognuno di noi c’è sempre un qualcosa nascosto che noi avvertiamo, ma non sempre sappiamo fare emergere. La sua presenza si fa sentire proprio come un piccolo frammento di brace ardente e, spesse volte, circostanze apparentemente casuali ci possono aiutare per identificarlo nella sua vera identità e possibilmente rimuoverlo.
Quando e come nasce 'Incendio silente'?
Quasi due anni fa, mentre mi soffermavo a pensare sulla funzione della casualità, notavo che tanti erano stati reticenti ad accettare la sua influenza nella nostra quotidianità. L’accettare il ruolo della casualità era visto come una sorta di svalutazione della logica e della razionalità. Molti poi non distinguevano l’enorme differenza tra casualità e destino.
Quindi c'è un luogo o un momento particolare in cui dice: Ecco finalmente adesso scrivo questa storia?
Osservando dal balcone di casa mia le isole Eolie, avendo tra le mani un album di fotografie di un viaggio a Copenaghen.
Ha un profilo Social? Ci vuole dare il suo Domicilio virtuale?
Non ho un profilo Social né un domicilio virtuale.
Cosa le piace?
La leggerezza e il fascino della semplicità che mi consentono di capire meglio la vita che spesse volte presenta aspetti complessi ma non per questo di difficile soluzione.
Cosa non le piace?
L’ipocrisia latente in alcuni che tuttavia non sanno mascherarla bene e coloro che non sono in grado di ammettere i propri limiti di conoscenza su specifici argomenti e nello stesso tempo fanno finta di niente.
Adesso può scegliere. Immagini di dover scegliere. Per il suo libro si augurerebbe una traduzione in inglese o una trasposizione cinematografica?
Una traduzione in inglese e una trasposizione cinematografica con i sottotitoli in inglese
Il suo pubblico ideale ha 20 50 o 70 anni? Ha un target di riferimento?
Spero proprio di no, perché auguro a tutti di leggere il mio libro con semplicità di spirito. Nella sua interezza sono assenti situazioni complesse oggi molto di moda nella produzione editoriale, anche se affronta tematiche articolate dello spirito e della condizione umana nei nostri giorni.
Saluti i suoi lettori con un aforisma che parli di lei e delle sue emozioni...
Se vuoi inseguire un sogno, un desiderio fallo pure, rilevante è crederci ed essere veramente consapevole della sua importanza. Concentrati solo su quello che ti procura benessere interiore, poiché le insidie di tanti fuochi fatui sono sempre dietro l’angolo e possono portare con sé tante amarezze e frustrazioni