Intervista a Claudia Calderoli

L'Autore

Nessun dato inserito

Sei l'Autore?
Vuoi completare la scheda e inserire novità e completare il tuo curriculum letterario?
Clicca qui e aumenta la tua visibilità.

Il suo libro

Abbecedario di grafologia

Saggio

Acquista online

30/10/2017

Diplomata in grafologia, in rieducazione della scrittura, consegue poi la specializzazione in grafologia peritale giudiziaria presso l’Accademia Grafologica Crotti di derivazione morettiana a Milano. Ha seguito inoltre corsi di studio e approfondimento di Grafologia morettiana a Lecco. È autrice di diversi articoli per il giornale “Periodico di Grafologia” dell’Accademia Grafologica Crotti. Sue le opere Benedetta, il suo nome è la sua storia, Pensieri in cammino e Nel giardino della vita. Ha tenuto lezioni presso l’Università “Vita Salute” al San Raffaele di Milano inerenti al tema “Criminologia generale” nell’ ambito del Master di Secondo livello di Psicologia e Psicopatologia forense. Ha partecipato come grafologa alla trasmissione televisiva “Ciao Gente” di SeiLa TV di Bergamo per il corso di un anno. Vive a Bergamo dove svolge la libera professione di grafologa e consulenza peritale - giudiziario.
Eccoci, curiosi e interessatissimi finalmente conosciamo Claudia Calderoli, autrice del libro “Abbecedario di grafologia”.


Ci vuole dire come mai è arrivato a questa pubblicazione?
Inizialmente volevo redigere una sorta di Rubrica ad un uso mio proprio , che contenesse esempi ed elementi che mi facessero sinteticamente tornare alla mente in modo organizzato e sintetico le caratteristiche e le valenze di ogni segno grafico . Con il tempo e dopo aver selezionato le centinaia di grafie raccolte, ricercate, donate e avute a disposizione, ho pensato che potesse essere di utilità a qualcun altro: insomma una sorta di prontuario di facile consultazione per grafologi e per chiunque fosse incuriosito da questa disciplina.


Quando e come nasce “Abbecedario di grafologia”?
Dopo aver conseguito il diploma, ho iniziato ad analizzare scritture e
per esercitarmi avevo bisogno di averne molte da visionare : solo facendo
molto esercizio si allena l’occhio nel riconoscere i segni e valutarne il grado.
Così facendo , cercando sempre chiedendo a parenti, amici, conoscenti, sono riuscita ad avere una quantità tale di scritture recenti, vecchie , antiche, di persone comuni e di personaggi famosi . Dopo averle catalogate ho pensato di riunirne una parte nell’ “Abbecedario”.
Ha un profilo Social? Ci vuole dare il suo Domicilio virtuale?
Non ho profili. Ho solo una mail :claudiacalderoli@gmail.com
Sta scrivendo? Ha altri progetti letterari nel cassetto?
Riserviamo l’ultima parte deil’interviste a domande personali. Conosciamo meglio l’autore, ci racconti, di cosa si occupa? Si vuole raccontare e vuole raccontarci il suo mondo privato?

La mia priorità e sempre stata la famiglia. In particolare ho dedicato la maggior parte del mio tempo ai miei figli .Ora ho un po’ più di tempo e posso dedicarmi ai miei interessi tra cui la grafologia e la pittura. Ho sempre cercato comunque di avere degli interessi personali che mi dessero la possibilità di ricaricarmi ed soddisfare il mio desiderio di apprendere. Per ora non ho progetti: scrivo sempre miei pensieri, poi si vedrà.
Cosa le piace?
Amo osservare la natura: vivo in una città con spazi verdi e godo di una casa immersa nel verde che mi fa percepire e vivere i ritmi e le variabili della natura. Mi piacciono i fiori ed il bello. Cerco di ornare la casa con fiori e fare composizioni gradevoli con ogni tipo di fiore.
Cosa non le piace?
La volgarità, il qualunquismo, l’apparenza , l’egoismo ,la menzogna.
Invece nella sua vita cosa reputa fondamentale?
Gli affetti, il senso del dovere, l’impegno, l’utilizzzo delle proprie capacità anche nell’aiuto del più debole.
Il libro più bello che ha letto negli ultimi 3 anni?
“La lingua salvata” di Elias Canetti edizione Adelphi
C’è un motto, una frase o un aforisma che potrebbe caratterizzarla?
Forse inerente allo studio della grafologia, citerei questa frase di Gibran :”La realtà dell’altro non è ciò che ti rivela, ma in ciò che non può rivelarti: perciò, se vuoi capire l’altro non ascoltare ciò che egli ti dice, ma piuttosto a ciò che non dice.”