Intervista a Antonina Macchiarella

L'Autore

Nessun dato inserito

Sei l'Autore?
Vuoi completare la scheda e inserire novità e completare il tuo curriculum letterario?
Clicca qui e aumenta la tua visibilità.

Il suo libro

Due volti per un destino

Narrativa

Acquista online

12/12/2017

Antonina Macchiarella, nata a Palermo l’8 agosto del 1979, è cresciuta a Ficarazzi (PA).
La sua vita è stata segnata da parecchie perdite familiari. Dedica la maggior parte del
tempo al piccolo polmone di verde che coltiva e abita. Qui accoglie, senza scopo di lucro,
animali bisognosi di cure e affetto. Ha quattro figli: Nicolò, Giorgio, Samuel e Greta. Da
pochi anni è ospite della sua famiglia anche un bimbo cinese autistico di nome Oscar, a
cui regala amore e una vita normale. Assieme a Vincenzo, compagno di Antonella, e ai
suoi bambini vive totalmente immersa nel verde e nella pura semplicità quotidiana.
Nuove parole, nuove emozioni. Eccoci con un'altra intervista. Oggi parliamo di Antonina
Macchiarella , autrice del libro 􀀀Due volti per un destino􀀀.
Cominciano da questo libro: La copertina colpisce subito. Il titolo poi è molto diretto.
Come mai questo titolo?
Il destino di ogni essere umano s'interseca sempre con molti altri. Per chi riesce a
percepirlo, siamo strumenti nelle mani di Dio. Le donne siamo più predisposte a ribellarci contro il mondo includendo e cercando sempre di modificare il proprio destino. Cerchiamo il confronto come 'concorrenza' per migliorarci. Nel mio libro si evince la voglia di cambiare in positivo, in questa fattispecie l'intreccio in cui si sono trovate queste due donne.
Quando e come nasce 'Due volti per un destino'?
Quando la mia voglia di ribellione alle ingiustizie che tacitamente subiamo noi donne, non può più trattenersi e restare nascosta. La libertà di poter buttare fuori dalla propria vita un uomo violento, senza essere sfigurata con l'acido, è una realtà che non mi va proprio di lasciare nel dimenticatoio. Io sono molto fortunata ad avere anche solo il dono della parola, forse molti la danno per scontata,a vi assicuro che non lo è. Voglio portare all'attenzione degli uomini che dietro la cultura e in questo caso di un burka, c'è un cervello che pensa!!!
Quindi c'è un luogo o un momento particolare in cui dice: Ecco finalmente adesso scrivo questa storia?
Si, c'è stato un momento in cui mi sono voluta mettere alla prova, con tutte le piccole difficoltà di gestire una casa annessi e connessi, ma una forte sensazione di dover dire a tutti ciò che penso, cioè non perché le donne restano in silenzio vuol dire che non pensano
Ha un profilo Social? Ci vuole dare il suo Domicilio virtuale?
No non ho nessun profilo perché non è certificato in nessun social vale a dire qualora Facebook adotti la PEC cioè la posta certificata per aprire un Profilo io ho dato la mia parola che non aprirò fino a quel momento non so chi mi parla dietro un nome di fantasia Secondo me ogni persona è splendida e si deve presentare con i propri pensieri e con il proprio nome.
Mi permetta una battuta e mi faccia citare Marzullo: Si faccia una domanda e si dia una risposta.
Mi consenta: Io sono viva e sono qui! E mentre ci sono faccio sentire la mia voce.
Cosa le piace?
Mi piace il sole il cielo il mare i monti, tutto ciò che Dio ha creato indistintamente per tutti
Ma che purtroppo ci siamo fatti i padroni chi un po' più chi un po' meno.
Cosa non le piace?
Non mi piacciono le persone che non apprezzano quello che hanno perché come un disprezzare il dono della vita noi in Italia Abbiamo campioni portatori di handicap e anche se sono diversamente abili si fanno vedere quanta voglia hanno di vivere. Inoltre se potessi lanciare una moda direi che i fumatori sono out perché piano piano sì scavano la fossa ed è come dare un disprezzo alle belle cose che si possiedono e alla propria vita e a quelli che gli stanno intorno.
Adesso può scegliere. Immagini di dover scegliere. Per il suo libro si augurerebbe una traduzione in inglese o una trasposizione cinematografica?
Non importa che sia una sceneggiatura un libro a fumetti ma sarei onorata che questo mio messaggio attraverso questo opera fosse tradotto in tutte le lingue Per far sì che la mia voce con la mia parola arrivi in ogni angolo di questo mondo.
Il suo pubblico ideale ha 20 50 o 70 anni? Ha un target di riferimento?
A parer mio non ci sono età per interessarsi a questo mio ideale di ribellione potrebbe essere ad una fase iniziale della vita quando si diventa maggiorenni ispirarsi a un ideale non ha eta potrebbe essere una fase finale della vita .Mia nonna diceva sempre che fino a che si vive in questa terra si può apprendere sempre qualcosa non è mai troppo tardi Finché si vive!
Saluti i suoi lettori con un aforisma che parli di lei e delle sue emozioni...
Spero che il mio messaggio di positività arrivi a tutti perché tutti siamo speciali vi invito a leggere il libro per tanti motivi soprattutto vi anticipo che non voglio fermarmi qua ho tanto da trasmettere è il vostro incoraggiamento è la vostra approvazione mi serve per dare tutta me stessa Vi abbraccio e vi raccomando cercate di essere sempre positivi nella vita Dio aiuta gli audaci e non chi si piange addosso.