Intervista a Maurizio Lucci

L'Autore

Nessun dato inserito

Sei l'Autore?
Vuoi completare la scheda e inserire novità e completare il tuo curriculum letterario?
Clicca qui e aumenta la tua visibilità.

Il suo libro

Il segno del tempo

Favole

Acquista online

05/02/2018

È un lettore accanito di libri e tra gli autori predilige Luis Sepulveda, Wilbur Smith, Boris Akunin, Federico Garcia Lorca e Michail Bulgakov. Nel tempo, inizia a scrivere racconti, anche se non ha partecipato a nessun concorso letterario e non ha vinto nessun premio. Scrive per il piacere di scrivere e perché ancora ama inseguire i sogni.
Eccoci, curiosi e interessatissimi finalmente conosciamo Maurizio Lucci, autore del libro “Il segno del tempo”.


Ci vuole dire come mai è arrivato a questa pubblicazione?
Dalla voglia che avevo di realizzare l’idea di far interloquire
I materiali e gli oggetti che usa chi crea un certo tipo di lavoro.
Quando e come nasce “Il segno del tempo”?
Nasce di notte, due anni orsono dopo una chiacchierata con il fodero della mia chitarra.
Ha un profilo Social? Ci vuole dare il suo Domicilio virtuale?
Non ho un profilo social,per adesso.
Sta scrivendo? Ha altri progetti letterari nel cassetto?

Beh,sicuramente “il segno del tempo due” e poi l’idea di un romanzo
Sulla vita e indagini di un brigadiere dei Carabinieri in una porzione di Appennino Emiliano dalla parte del Modenese.
Riserviamo l’ultima parte dell’interviste a domande personali. Conosciamo meglio l’autore, ci racconti, di cosa si occupa? Si vuole raccontare e vuole raccontarci il suo mondo privato?
Sono un Istruttore amministrativo di Roma-Capitale. svolgo una vita abbastanza tranquilla cinema, cenetta, scrittura e musica.
Cosa le piace?
Il talento delle persone umili e la grande solidarietà di cui son capaci gli Italiani.
Cosa non le piace?
La presa in giro gratuita, il denigrare per partito preso.
Invece nella sua vita cosa reputa fondamentale?
La comprensione, la solidarietà umana e il rispetto.
Il libro più bello che ha letto negli ultimi 3 anni?

“Storia di un gatto e del topo che diventò suo amico”di Luis Sepùlveda.

C’è un motto, una frase o un aforisma che potrebbe caratterizzarla?
Prendiamo le cose per quello che sono senza farci ammanettare.