Intervista a Izabella Teresa Kostka

L'Autore

Nessun dato inserito

Sei l'Autore?
Vuoi completare la scheda e inserire novità e completare il tuo curriculum letterario?
Clicca qui e aumenta la tua visibilità.

Il suo libro

Karmasutra

Poesie

Acquista online

29/05/2018

Izabella Teresa Kostka nasce a Poznań (Polonia) ed è laureata con lode in pianoforte, di cui è insegnante. Dall’anno 2001 vive e lavora a Milano, è appassionata di teatro, scrittura, fotografia e arte, è giornalista freelance per WordPress, organizzatrice e presentatrice di eventi culturali, ideatrice e coordinatrice generale del programma ciclico itinerante 'Verseggiando sotto gli astri di Milano'. Negli ultimi tempi ha ricevuto numerosi importanti riconoscimenti e premi nazionali e internazionali.


Nuove parole, nuove emozioni. Eccoci con un'altra intervista. Oggi parliamo con Izabella Teresa Kostka, Autrice del libro “Karmasutra”.
Buongiorno, innanzitutto vorrei ringraziare per l'invito e per questo spazio dedicato alla mia scrittura. È un piacere parlare con Voi.
Quando e come nasce 'Karmasutra'?
Il libro 'Ka_r_masutra' ha preso vita in maniera del tutto inattesa nell'anno 2017, ma alcune delle liriche hanno visto la luce negli ultimi mesi del 2016. Dopo una serie di libri precedenti nei quali mi sono dedicata sia ad una tematica di impronta civile sia ad una di carattere autobiografico, ho deciso di 'cambiare rotta' sfidando, in un certo senso, me stessa. Ho preso ispirazione da un gioco di parole ed ho unito i termini 'kamasutra' e 'karma', per formare un neologismo 'Ka_r_masutra': dal desio, dall'erotismo, dalla passione carnale al karma, al destino di una donna e di ogni comune mortale. Dall'ardore fisico fino alla riflessione spirituale. Il punto di partenza dell'intera silloge diventa il peccato primordiale e il serpente. Il suo quasi biblico viaggio prosegue sulle pagine del libro, conducendo il lettore nei meandri della sensualità spesso estrema, della fisicità che combatte con ogni pregiudizio, sfiora i tabù ma, allo stesso tempo, non è mai priva di profonde riflessioni sull'essenza e sulla moralità dell'essere umano. 'KA_R_MASUTRA' è un viaggio che precipita verso la fine di ogni tempo, concludendosi con '18 gridi d'amore' - 18 testi di carattere più intimistico, assai catartico, poesie scritte con un linguaggio ispirato, a tratti, alla stilistica del movimento del Realismo Terminale.
Quindi c'è un luogo o un momento particolare in cui dice: 'Ecco finalmente adesso scrivo questo libro'?
Ogni momento e ogni luogo è giusto, e così è stato anche per 'KA_R_MASUTRA'. L'ispirazione arriva come un fulmine, una frusta che lacera la mia mente sgorgando in un fiume di emozioni che si trasformano in versi. È come una scarica elettrica: non riesco a ignorarla, quando la percepisco inizio a scrivere entrando in uno stato di trans profondo.
Ha un profilo Social? Ci vuole dare il suo Domicilio virtuale?
Potete contattarmi facilmente su Facebook sia sotto il profilo 'Izabella Teresa Kostka' sia come pagina 'Izabella Teresa Kostka Poesie'.
Se volete saperne di più sulle mie attività culturali, Vi invito a visitare il mio sito d'autore su Wordpress: https://izabellateresakostkapoesie.wordpress.com/

Cosa le piace?
Mi piace la vita, ogni sua sfumatura: gioia, emozione, condivisione di passioni, sentimenti veri e duraturi, coerenza, sincerità e lealtà, indipendenza, libertà e rispetto di ogni creatura vivente. Mi piace donare e non solo prendere. Per non essere troppo seria: mi piace un buon vino rosso corposo, le lunghe nuotate nel caldo mare calabrese, il temporale e la nordica malinconia condita con una bella dose di solarità del Solleone. E, non posso non menzionarlo, mi piacciono tantissimo gli animali (soprattutto il mio piccolo chihuahua). 'Carpe diem' e 'Memento audere semper': sono i miei motti preferiti.
Cosa non le piace?
Vigliaccheria, falsità, prepotenza, opportunismo e mancanza di educazione, cafoneria e stupidità umana, uomini - padroni e donne - bambole. Non mi piace la mancanza di coraggio personale nell'ammettere i propri errori e disdegno l'egocentrismo. Odio essere giudicata a priori e dalle apparenze.
Adesso può scegliere. Immagini di dover scegliere. Per il suo libro si augurerebbe una traduzione in inglese o un'adozione universitaria?

Al 'KA_R_MASUTRA' augurerei un lungo e avventuroso percorso attraverso le anime dei lettori: un'adozione di cuore. Vorrei che rimanesse nella loro memoria diventando un buon compagno di viaggio su questa Terra. Per motivi appena citati sceglierei una buona traduzione in inglese, per poter raggiungere ogni popolo, senza badare alle frontiere e alle barriere linguistiche.
Il suo pubblico ideale ha 20, 50 o 70 anni? Ha un target di riferimento?
Il mio pubblico ideale ha soprattutto la mente aperta e larghi orizzonti. L'età anagrafica non ha per me alcuna importanza. Mi piacerebbe essere letta e, magari, apprezzata da un pubblico di grande sensibilità e senza pregiudizi. La mia scrittura non è sdolcinata né di commerciale o di facile lettura. Sicuramente il lettore perfetto dovrebbe avere una certa 'dimestichezza' con l'arte ed essere un po' preparato. Non parlo qui di istruzione universitaria ma di preparazione culturale e di sensibilità.
Saluti i suoi lettori con un aforisma o una citazione che parli di lei e delle sue emozioni..
Carissimi Compagni di viaggio (preferisco chiamarVi così), come un saluto vorrei citare una poesia tratta dal mio precedente libro bilingue intitolato 'Si dissolvono le orme su qualsiasi terra - Rozmywają się ślady na każdej ziemi'. Questo testo è la mia essenza:




STARÒ ALLA TERRA COME LA NEVE (a proposito di me)



Vorrei
non sparire nella dimenticanza
all'ultimo vespero del giorno che resta
come un melo spoglio della matura raccolta
- riverbero del Peccato e della primavera.

Lascerò la parola,
mia figlia audace,
concepita nelle ore dell'eterne assenze,
partorita dal gelo delle sterili notti
ancorate nell'antro di un lenzuolo.

Madre mancata di un discepolo mai nato,
errante tra le culle dei due mari,
una nube inquieta nel libero volo
scendente sui sentieri con lacrime di pioggia.

Orfana di nome e di nazione,
unione del Nord col Solleone,
starò alla terra come la neve,
il traguardo difficile dell'integrazione.

Vorrei
non sciogliermi all'arrivo di una calda alba,
essere per la vostra mente come
un lume della speranza.

*

Spero tanto di trovare almeno un piccolo angolino nel cassetto della Vostra memoria.
Ringrazio la Redazione per questa simpatica e molto gradita intervista.

Con affetto

Izabella Teresa Kostka
Milano, 25 maggio 2018.