Intervista a Andrea Foffano

L'Autore

Nessun dato inserito

Sei l'Autore?
Vuoi completare la scheda e inserire novità e completare il tuo curriculum letterario?
Clicca qui e aumenta la tua visibilità.

Il suo libro

Le verità balcaniche

Saggio

Acquista online

02/07/2018

Andrea Foffano, docente di intelligence e sicurezza, è analista ed editorialista. Ha pubblicato L’ISIS (2016), L’ISIS – Attacco all’Europa (2017) e Siria – La guerra segreta dell’intelligence (2017).

Eccoci, curiosi e interessatissimi finalmente conosciamo Andrea Foffano, autore del libro “Le verità balcaniche”.
Sono nato in Brianza e ho 35 anni. Dopo una lunga formazione accademica, comprendente quasi tre lauree e due master, e una altrettanto faticosa preparazione professionale in patria e all’estero, sono arrivato al punto di poter godere di un’ottica privilegiata, soprattutto nell’analisi di alcuni fra i maggiori eventi storici degli ultimi anni. Insegnando e collaborando con molte fra le più belle realtà accademiche del settore della sicurezza, oltre che realizzare progetti di studio e di ricerca per l’ASCE (la Scuola di Competizione Economica Internazionale di Venezia diretta dal Prof. Arduino Paniccia), trovo anche il tempo per mettere nero su bianco parte delle mie conoscenze, in un’ottica divulgativa estremamente semplice e rivolta al grande pubblico.
Ci vuole dire come mai è arrivato a questa pubblicazione?
L’opera nasce con l’intento di spiegare al grande pubblico in maniera chiara e semplice quali siano i misteriosi retroscena che, nel corso degli anni, abbiano impedito una profonda comprensione di alcuni aspetti del conflitto. Molto spesso ci si è accontentati di verità di comodo o, addirittura, si è preferito semplicemente dimenticare la genesi di alcuni eventi, proprio perché dolorosi e innestati su ferite aperte ancora oggi, dopo tanti anni. Ecco, l’idea che sta alla base del libro è proprio questa: fornire uno sguardo d’insieme, il più possibile critico e oggettivo di alcuni particolari fatti, tra cui il massacro di Srebrenica, l’attacco di Markale e il cosiddetto “miracolo di Medjugorje”.
Quando e come nasce “Le verità balcaniche”?
Il libro nasce nel momento in cui, attraverso i miei studi e le mie ricerche, vengo in possesso d’informazioni che mi suggeriscono una visione particolare di alcuni aspetti del conflitto. Da qui origina il desiderio personale di divulgare al grande pubblico alcune mie riflessioni, che scaturiscono da un punto di vista certamente “privilegiato”.
Ha un profilo Social? Ci vuole dare il suo Domicilio virtuale?
Certamente sì. L’indirizzo della pagina Facebook del mio libro è:

www.facebook.com/balcanifoffano

Tramite questa pagina riesco a mantenere un costante contatto con il pubblico e con i miei lettori più affezionati, cosa che mi fa sempre un immenso piacere.
Sta scrivendo? Ha altri progetti letterari nel cassetto?
Sì. Tra non molto uscirà anche un altro saggio, che ho terminato di scrivere non molto tempo fa. Analizzerà alcuni grandi misteri italiani, visti da un’ottica particolare e affascinante: quella del mondo dell’intelligence e delle informazioni.
Riserviamo l’ultima parte dell’interviste a domande personali. Conosciamo meglio l’autore, ci racconti, di cosa si occupa? Si vuole raccontare e vuole raccontarci il suo mondo privato?
La mia vita professionale è densa d’impegni, poiché tra le docenze e i convegni, spesso, trascuro molto la mia vita privata. Anche se, con grande sacrificio, cerco sempre di non far mai mancare l’affetto ai miei cari. Attualmente faccio parte delle forze dell’ordine, anche se per il futuro valuterò, qualora dovesse presentarsi, la possibilità di occuparmi solo ed esclusivamente dello studio, della ricerca e dell’insegnamento nei campi a me più congeniali: sicurezza e intelligence.
Cosa le piace?
Il cibo e la buona tavola.
Cosa non le piace?
Il disordine e il mancato rispetto delle regole.

Invece nella sua vita cosa reputa fondamentale?
La possibilità di fare ciò a cui ci si sente più affini.
Il libro più bello che ha letto negli ultimi 3 anni?

“Siria – La guerra segreta dell’intelligence”. Conosco l’autore.
C’è un motto, una frase o un aforisma che potrebbe caratterizzarla?
“Ad maiora”. Mai fermarsi: studiare e cercare di comprendere. Sempre.