Intervista a Valentina Lombardo

L'Autore

Nessun dato inserito

Sei l'Autore?
Vuoi completare la scheda e inserire novità e completare il tuo curriculum letterario?
Clicca qui e aumenta la tua visibilità.

Il suo libro

A-mor arma ministrat

Poesie

Acquista online

24/09/2018

Valentina Lombardo nasce il 31 maggio 1985 a Caltanissetta, città dell’entroterra siciliano. Compie i suoi studi superiori presso il Liceo classico “Pietro Mignosi” di Caltanissetta e consegue la laurea specialistica in Filologia Classica presso l’Università degli Studi di Catania. Fin da piccola ha sviluppato una grande sensibilità verso la storia antica, l’arte, l’archeologia e la musica. La poesia, fin dall’adolescenza, nasce come “gentile sfogo dei sentimenti” ed esce allo scoperto solo qualche anno dopo con la pubblicazione di alcuni componimenti in antologie edite da Aletti editore e Pagine. Oggi l’autrice insegna Lettere presso la scuola secondaria di secondo grado.


Nuove parole, nuove emozioni. Eccoci con un'altra intervista. Oggi parliamo Valentina Lombardo, Autrice del libro “A-mor arma ministrat”.






Quando e come nasce 'A-mor arma ministrat'?
“A-mor arma ministrat” è una silloge che ho deciso di pubblicare dopo aver maturato un percorso di cambiamento e di crescita.
Il titolo gioca molto sull’etimologia latina dei due “princìpi” che regolano il ciclo della vita, “amore” e “morte”. Entrambi ci armano, entrambi ci disarmano.
I componimenti contenuti in questa raccolta raccontano un cammino personale iniziato diversi anni fa e, per certi versi, ancora in corso. La genesi delle poesie è legata ad una forte esigenza nata in età adolescenziale: tirar fuori ciò che non ero in grado di rivelare a nessuno, scalfendo con l’inchiostro le tappe di un lungo “pellegrinaggio” per poterle rileggerle in seguito, come le pagine di un diario, come una strada percorsa, di cui potevo vedere la lunghezza e che, nello stesso tempo, mi ero buttata alle spalle. Sì, potrei considerarlo un resoconto molto conciso di un viaggio e di un’ Itaca.

Quindi c'è un luogo o un momento particolare in cui dice: Ecco finalmente adesso scrivo questo libro?
Il momento in cui ho deciso di dar vita ad “A-mor arma ministrat” è arrivato grazie alla sollecitazione di una cara amica.
Non sono stata mai incline a pubblicizzare questa mia passione e ho aspettato diversi anni prima di renderla nota alle persone care. Il motivo? Consideravo le mie poesie troppo intime e farle conoscere sarebbe stato come confessare il mio mondo interiore. Qualcuno ha creduto in me e io, così, ho iniziato a credere di più in me stessa.
Ha un profilo Social? Ci vuole dare il suo Domicilio virtuale?
Si, ho un profilo social su Facebook.

Mi permetta una battuta e mi faccia citare Marzullo: Si faccia una domanda e si dia una risposta.

Qual è la mia Itaca? Il viaggio.
Cosa le piace?
La cultura, l’ironia, la gentilezza, ogni forma d’arte, la tolleranza, la musica, i libri, l’amore, l’amicizia.
Cosa non le piace?
L’invidia, la possessività, il pregiudizio, l’ipocrisia, la superficialità, l’eccessiva ricchezza, il razzismo, la maleducazione, l’indifferenza.

Adesso può scegliere. Immagini di dover scegliere. Per il suo libro si augurerebbe una traduzione in inglese o un'adozione universitaria?
Non è una scelta facile. Credo che preferirei un’adozione universitaria.
Il suo pubblico ideale ha 20, 50 o 70 anni? Ha un target di riferimento?
Vorrei che tutti, indipendentemente dall’età, possano avere la possibilità di leggere il mio lavoro.
Quel che è certo è che mi piacerebbe suscitare una maggiore sensibilità nei giovani. La poesia è interpretazione e immedesimazione, come ogni forma d’arte. Credo che oggi abbia bisogno di maggiore visibilità. Più scaffali nelle librerie!
Saluti i suoi lettori con un aforisma o una citazione che parli di lei e delle sue emozioni...
“Due cose riempiono il mio animo di ammirazione: il cielo stellato sopra di me, la legge morale in me” (Immanuel Kant)