Intervista a Myriam Ambrosini

L'Autore

Nessun dato inserito

Sei l'Autore?
Vuoi completare la scheda e inserire novità e completare il tuo curriculum letterario?
Clicca qui e aumenta la tua visibilità.

Il suo libro

Un cuore altrove

Narrativa

Acquista online

10/10/2018

Myriam Ambrosini è nata a Roma dove attualmente risiede. Insegnante di Lettere e collaboratrice della rivista di arte e cultura Corus cafè, ha pubblicato nel 1991 per la Ellemme una silloge di poesie dal titolo Porti lontani e nel 2006 per la Montedit ha prodotto il romanzo breve Adàmas. Nel 2012 ha proseguito la sua attività letteraria con la pubblicazione di Il Bestemmiatore, edito da Terre Sommerse, con il quale ha vinto il primo premio del Concorso “È Tempo di Cultura”. Più volte vincitrice del Premio internazionale di poesia “Foyer des artistes” e finalista al Premio “Poesia Camaiore”, ha fatto parte della giuria letteraria del Concorso “Parole in movimento” dell’Associazione culturale Fonopoli, curata dal cantautore romano Renato Zero.

Nuove parole, nuove emozioni. Eccoci con un'altra intervista. Oggi parliamo di Myriam Ambrosini, autore del libro “Un cuore altrove”.


Cominciano da questo libro: La copertina colpisce subito. Il titolo poi è molto diretto. Come mai questo titolo? Quando e come nasce 'Un cuore altrove'?
Per quanto mi riguarda non c'è mai un preciso 'come' e 'quando'. Le idee - come le immagini - mi giungono quasi sempre inaspettate ed inattese e, spesso, avulse dal contesto del momento ed, a volte, persino con origini lontane nel tempo. La genesi di 'UN CUORE ALTROVE' si può forse comunque trovare nelle confidenze di una paziente - raccolte nel lunghi anni di volontariato da me espletati presso un noto Ospedale di Roma - che aveva subito un trapianto di cuore.
Quindi c'è un luogo o un momento particolare in cui dice: Ecco finalmente adesso scrivo questa storia?
No ... non c'è un luogo nè un momento. Come una sorta 'di lievito madre', qualcosa che ho dentro inizia d'improvviso a gonfiarsi e preme per uscire in superficie: forse un richiamo subliminale di cui, io stessa, non ho però coscienza.
Ha un profilo Social? Ci vuole dare il suo Domicilio virtuale?
Pagina facebook: Myriam Ambrosini facebook - sito: LINK: htpps://www.facebook.com/mistero.K55/
Cosa le piace?
In quale preciso contesto? Umanamente amo tutto ciò che è naturale (natura compresa e mondo animale) e rispetto la verità, per quanto sgradevole a volte possa apparire.
Cosa non le piace?
Di contrasto, non mi piace tutto ciò che è artificioso; la menzogna; l'ipocrisia; l'opportunismo.
Adesso può scegliere. Immagini di dover scegliere. Per il suo libro si augurerebbe una traduzione in inglese o una trasposizione cinematografica?
Più che un augurio, ritengo semplicemente che le tematiche del romanzo - e le location piuttosto suggestive che fanno da cornice al romanzo come alcuni 'luoghi simbolo' di Roma ed il fascino caleidoscopicodella Provenza (il Luberòn in particolare) - si prestino maggiormente ad una trasposizione cinematografica.
Il suo pubblico ideale ha 20 50 o 70 anni? Ha un target di riferimento?
Il senso della vita ed anche il suo mistero, con tutto il suo carico di domande, si rivolgono ad un pubblico di qualsiasi età. Forse, poichè da giovani si pensa più 'a vivere' che 'a riflettere', l'età adulta risulterebbe maggiormente motivata e consapevole.
Saluti i suoi lettori con un aforisma che parli di lei e delle sue emozioni...
Risponderei e li saluterei con dei miei versi:

'IMAGO'

Come l'incerta luce/ prima dell'alba/ prima del tramonto/ potrei essere un sogno nuovo./ Una fantasia./ Hanno aperto un'altra anima./ Il mio mistero è intatto.

Grazie comunque a chi, leggendomi, si sforzerà di aprire 'la vera' anima.