Intervista a Maria Stella Grillo

L'Autore

Nessun dato inserito

Sei l'Autore?
Vuoi completare la scheda e inserire novità e completare il tuo curriculum letterario?
Clicca qui e aumenta la tua visibilità.

Il suo libro

Spiriti allegri

Teatro

Acquista online

02/07/2019

Maria Stella Grillo, scrittrice e regista teatrale, Counselor nelle relazioni di aiuto e Advanced practitioner in Programmazione Neuro Linguistic, ha guidato con i suoi scritti e i suoi corsi moltissime persone in un percorso di trasformazione positiva della propria vita, aiutandoli a diventare protagonisti attivi del proprio cambiamento. Nel 2008 ha creato un metodo di auto guarigione che integra il metodo Stanislavskij con la filosofia costruttivista e le tecniche della Programmazione Neuro Linguistica: “Trasforma la tua vita con il Teatro Interiore”, che è diventato anche un corso on-line in collaborazione con il Centro di Ricerca Erba Sacra. Ha pubblicato: 'Spiragli', poesie e disegni (Antonio Pellicani Editore 1991); Donne, fortissimamente donne', brevi testi teatrali e monologhi, (Edizioni 50&PIU’ 1994); 'Sogni d'acqua', testo teatrale (Edizioni 50&PIU’ 1994), messo in scena al Teatro Belli di Roma nel 1995; 'Una panchina al sole' testi teatrali (Nuova Impronta, 1996) e “Il tempio è compiuto e il Regno di Dio è vicino: Entra!” saggio (Edizioni Kimerik, 2013); “Spiriti allegri”, Commedie (Edizioni Kimerik, 2019).

Ci vuole dire come mai è arrivato a questa pubblicazione?
“Spiriti allegri” è frutto del desiderio di pubblicare le Commedie che hanno avuto maggior successo di pubblico e di critica negli ultimi anni, e che portano in scena la lotta incessante tra la nostra parte corporea e l’anima.
Quando e come nasce “Spiriti allegri”?
L’idea di pubblicare il libro “Spiriti allegri”, nasce nel 2018, al termine del mio ultimo lavoro teatrale, da cui prende il nome.
Ha un profilo Social? Ci vuole dare il suo Domicilio virtuale?
Ho due siti, nei quali condivido le mie attività artistiche con gli amici e i navigatori del web: www.teatrointeriore.it e www.lastellacometa.it
Sta scrivendo? Ha altri progetti letterari nel cassetto?
Per me scrivere è un bisogno e un gioco nel quale la fantasia danza con la ragione per accompagnarla alla scoperta di sentieri inesplorati. Sentieri che potrei smarrire, se non li fisso su carta, e che posso condividere con tutti coloro che vogliono danzare con me.
Riserviamo l’ultima parte dell’interviste a domande personali. Conosciamo meglio l’autore, ci racconti, di cosa si occupa? Si vuole raccontare e vuole raccontarci il suo mondo privato?
Mi occupo principalmente di teatro, in tutte le sue forme, ma anche di poesia, di musica, di pittura e di Counseling. Per quanto riguarda il teatro e il Counseling, ho creato, in collaborazione con il Centro di Ricerca Erba Sacra, un corso online che unisce le tecniche tipiche del teatro a quelle del Counseling (www.teatrointeriore.it). L’obiettivo del corso è quello di aiutare il cliente a diventare costruttore positivo della sua realtà, facendolo agire su un palcoscenico interiore dove potrà vivere esperienze emozionali capaci di far emergere, dal profondo di se stesso, nuove risorse e potenzialità e percepire così nuove possibilità di azione. Se ancora non hai risolto un problema, o raggiunto un obiettivo che ti sta a cuore, generalmente le hai provate tutte e le diverse soluzioni si sono rivelate inutili, se non dannose. Per risolvere il problema hai bisogno di osservare la realtà da un nuovo punto di vista, proprio come accade quando sei nel palcoscenico interiore, dove lo stato mentale si modifica e tutto diventa possibile.
Cosa le piace?
Mi piace la vita se vissuta con fantasia e voglia di giocare. Mi piace la bellezza, nascosta agli occhi si coloro che, diventati adulti, hanno smesso di guardare il mondo con gli occhi curiosi di un bambino.
Cosa non le piace?
Ogni forma di degrado materiale e spirituale.

Invece nella sua vita cosa reputa fondamentale?
La libertà di essere tutto quello che posso essere, e il rispetto di coloro che, pur nella diversità, hanno scelto di condividere alcuni tratti di mare che percorro nel mio viaggio.
C’è un motto, una frase o un aforisma che potrebbe caratterizzarla?
Sì, la prima frase di un racconto che ha per titolo “Il viaggio”. “Possiamo viaggiare da soli, su imbarcazioni diverse, che ogni tanto si sfiorano e, a volte, percorrono un tratto di mare vicine, per poi tornare a seguire la propria rotta, oppure scegliere di condividere il viaggio.”.