Intervista a Mirco Donà

L'Autore

Nessun dato inserito

Sei l'Autore?
Vuoi completare la scheda e inserire novità e completare il tuo curriculum letterario?
Clicca qui e aumenta la tua visibilità.

Il suo libro

Micropunte

Ventisei racconti, ventisei frammenti, ventisei Micropunte che raccontano l’altra faccia della medaglia.

Acquista online

30/07/2019

Mirco Donà, classe 1960, risiede ad Altavilla Vicentina. Molte sono le opere da lui pubblicate nel corso degli anni: Micropunte (schizzi viaggi senza scali né imbarchi) è la sua ottava opera.

Nuove parole, nuove emozioni. Eccoci con un'altra intervista. Oggi parliamo di Mirco Donà, autore del libro “Micropunte”.

Cominciano da questo libro: La copertina colpisce subito. Il titolo poi è molto diretto. Come mai questo titolo?
Micro è l’anagramma di Mirco. Le Punte appartengono ai miei personaggi, che nel bene e nel male si buttano a capofitto nella vita, senza badare a spese e conseguenze. Sono individui con le punte nella testa e la chiave d’accesso nel basso ventre, in un luogo sacro e oscuro, dove sentimenti ed emozioni non vengono assimilati, digeriti e dal retto evacuati, come la gente comune.
La realtà dei personaggi, supera di gran lunga la fantasia.
Quando e come nasce 'Micropunte'?
Nasce anni fa, con un abbraccio e una promessa.
Incontrai per caso il primo personaggio. Era un ragazzo allucinato. In corpo aveva la Belladonna e nel cervello un Bad trip.
Quindi c'è un luogo o un momento particolare in cui dice: Ecco finalmente adesso scrivo questa storia?
Non credo al momento, né ai luoghi o chissà cosa. Io scrivo ogni giorno. L’artista non aspetta l’ispirazione. È sempre ispirato. Ecco perché la Bellezza nell’Arte perdura.
Ha un profilo Social? Ci vuole dare il suo Domicilio virtuale?
Facebook: Mirco Donà. Oppure: LPM Laboratorio Parole Musica.
Cosa le piace?

Unire le arti nei miei progetti letterari, dove ogni elemento interpreta il testo, aldilà della parola.
Micropunte accoglie la musica composta da Andrea Badalucco e Maurilio Dal Lago. Le immagini di Olivier Baretella, traducono i racconti in disegni. Nel prossimo reading di MICROPUNTE (schizzi viaggi senza scali né imbarchi), entrerà la danza contemporanea di Marina Ambroso.
Cosa non le piace?
Non sopporto coloro che mi stimano, senza muovere un dito.
Adesso può scegliere. Immagini di dover scegliere. Per il suo libro si augurerebbe una traduzione in inglese o una trasposizione cinematografica?
Non esiste lingua capace di trasmettere sinonimi e contrari come quella italiana. Viceversa, un libro di poco valore, tradotto in italiano diventa un capolavoro. Sbaglio?
Sono convinto che alcuni personaggi, soprattutto quelli dei racconti più lunghi, entrerebbero ben volentieri in una pellicola cinematografica.

Il suo pubblico ideale ha 20 50 o 70 anni? Ha un target di riferimento?
Dai 16 ai 99 anni. Oltre lo ritengo azzardato.
Saluti i suoi lettori con un aforisma che parli di lei e delle sue emozioni...
Se il male dell’anima fosse pari alla sofferenza fisica, basterebbe una pasticca.

Mirco Donà