Intervista a Danila Piovano

L'Autore

Nessun dato inserito

Sei l'Autore?
Vuoi completare la scheda e inserire novità e completare il tuo curriculum letterario?
Clicca qui e aumenta la tua visibilità.

Il suo libro

Ora conosco il tuo nome

Diari e memorie

Acquista online

16/08/2019

Danila Piovano nasce nel 1964 in Piemonte, dove ha sempre vissuto. Separata, ha due figli ed è impiegata in ambito sanitario. Appassionata di lettura, ama la vita sopra ogni cosa ed è al suo primo romanzo autobiografico.

Eccoci, curiosi e interessatissimi finalmente conosciamoDanila Piovano, autrice del libro “Ora conosco il tuo nome”.


Ci vuole dire come mai è arrivato a questa pubblicazione?
Era un po’ che giaceva in un cassetto, ho visto che gente di Racconigi ha pubblicato libri e mi sono detta, in un momento di incoscienza, chissà e l’ho spedito
Quando e come nasce “Ora conosco il tuo nome”?
Nasce dopo 17 anni dall'inizio malattia, ho cominciato a mettere giù appunti per fare chiarezza dentro di me e dare un senso a tutto quello che mi era successo.
Ha un profilo Social? Ci vuole dare il suo Domicilio virtuale?
Fb Piovano Danila
Sta scrivendo? Ha altri progetti letterari nel cassetto?
Io scrivo di continuo, da li a dire che sono progetti nel cassetto ci vuole audacia....qualcosa c’è però


Io scrivo di continuo, da li a dire che sono progetti nel cassetto ci vuole audacia....qualcosa c’è però


Una donna normale che lavora a tempo pieno in un’azienda sanitaria. Faccio lavoro di sportello che amo e che è stato fondamentale per tutte le scelte della mia vita.
Sono schietta e determinata, non amo i sotterfugi mi piacciono le cose chiare e alla luce del sole
Cosa le piace?
Quando per tanto tempo hai una salute psicolabile...la risposta è una vita normale...quanto è bella una banalissima vita.
Cosa non le piace?
La falsità
Invece nella sua vita cosa reputa fondamentale?
I miei figli
Il libro più bello che ha letto negli ultimi 3 anni?
Io uccido di Faletti
C’è un motto, una frase o un aforisma che potrebbe caratterizzarla?
Vivi ogni giorno come fosse l’ultimo