Intervista a Rita Daniela Marasco

L'Autore

Nessun dato inserito

Sei l'Autore?
Vuoi completare la scheda e inserire novità e completare il tuo curriculum letterario?
Clicca qui e aumenta la tua visibilità.

Il suo libro

Il demone imperfetto

Poesie

Acquista online

03/10/2019

Rita Daniela Marasco ha al proprio attivo numerose pubblicazioni su riviste scientifiche internazionali. Ha pubblicato, con Aletti Editore, nella raccolta Surfinia, I Poeti Italiani Contemporanei (2016), Cierzo (2016) e Compagni di Viaggio (2017).


Nuove parole, nuove emozioni. Eccoci con un'altra intervista. Oggi parliamo conRita Daniela Marasco, Autrice del libro “Il demone imperfetto”.

Quando e come nasce 'Il demone imperfetto'?
Il titolo della raccolta è stato estrapolato da un componimento, “Il rogo”, che costituisce il nucleo semantico della sillogepoetica: il “rogo” rappresenta l’altare sacrificale su cui si immola la propria esistenza in nome di ideali ingannevoli, chimere seducenti ed infide, illusorie e ineguagliabili.
Il Demone imperfetto incarna esattamente quegli ideali: è il demone che tormenta i nostri sogni, l’anelito ad una perfezione irraggiungibile alla quale si sacrificano – invano - il vigore e l’entusiasmo della giovinezza. In particolare, l’opera è ispirata ad un amore idealizzato e inarrivabile, legatotuttavia ad un riferimento reale,benché trasfigurato dal ricordo e dal tripudio delle emozionidella prima giovinezza; in virtù del proprio addentellato con la brutale contingenza del “reale”, perde la propria idealeperfezione”
Quindi c'è un luogo o un momento particolare in cui dice:Ecco finalmente adesso scrivo questo libro?
In realtà l’ispirazione è scaturita da una serie di conflitti irrisolti, delusioni mai metabolizzate, inciampi esistenziali…Il “pretesto”, la spinta imperiosa alla composizione della raccolta è stata la recente identificazione della chiave di lettura dell’inquietudine esistenziale che costituisce il tratto distintivo della mia personalità. Ho deciso di esorcizzare definitivamente i miei demoni – uno, in particolare – inchiodandone l’effigie nei miei versi.
Ha un profilo Social? Ci vuole dare il suo Domicilio virtuale?
Volentieri.
I social sono la vetrina letteraria che preferisco.

https://www.facebook.com/daniela.marasco.94

Mi permetta una battuta e mi faccia citare Marzullo: Si faccia una domanda e si dia una risposta.
Mi domanderei chi – o piuttosto cosa – realmente siail mioil “Demone imperfetto”.
Il mio demone è stato generato dal dissidio tra la ricerca della perfezione e un incontenibile desiderio di libertà. L’affermazione dell’una implica la rinuncia all’altra, inevitabilmente.
Cosa le piace?
Esercito la professione di medico Chirurgo che impegna il mio tempo e le mie energie in modo quasi totalizzante; amo tanto la Musica, in particolar modo la Classica, e ho ricevuto una solida educazione musicale, avendo frequentato la Scuola di Pianoforte in Conservatorio. Mi dedico al volontariato, e adoro gli animali, in particolar modo i gatti.
Il mio più potente mezzo espressivo, però, resta la parola: i miei sentimenti e le emozioni che vivo trovano nei versi che scrivo una corrispondenza quasi perfetta.
Cosa non le piace?

Detesto la volgarità, in ogni forma ed espressione.
Adesso può scegliere.Immagini di dover scegliere. Per il suo libro si augurerebbe una traduzione in inglese o un'adozione universitaria?
Il mio libro è già la realizzazione di un sogno: scrivere di qualcosa equivale ad analizzarne i più profondi contenuti, e quindi ad acquisirne consapevolezza; credo che aver dedicato queste pagine al Demone imperfetto sia valso ad esorcizzarne le perfide suggestioni..



Il suo pubblico ideale ha 20, 50 o 70 anni? Ha un target di riferimento?
In realtà no. Non credo che la poesia prediliga determinate fasce anagrafiche; suppongo si rivolga all’età dello spirito, piuttosto.

Saluti i suoi lettori con un aforisma o una citazione che parli di lei e delle sue emozioni...
Citerò una massima di Sant’Agostino:”Coloro che amiamo e che abbiamo perduto non sono più dov’erano , ma sono ovunque noi siamo”
Ciò che amiamo resta per sempre ostaggio dei nostri pensieri…pertanto, a dispetto del tempo e delle distamze, trova inevitabilmente il modo di raggiungerci..