Intervista a Agata Mazzitelli

L'Autore

Nessun dato inserito

Sei l'Autore?
Vuoi completare la scheda e inserire novità e completare il tuo curriculum letterario?
Clicca qui e aumenta la tua visibilità.

Il suo libro

Dal silenzio un colpo d'ala

Poesie

Acquista online

02/05/2020

Agata Mazzitelli è nata a Locri (Rc) il 30 agosto 1977. Vive a Caraffa del Bianco (Rc). Laureata in Giurisprudenza all’Università degli studi “Magna Graecia” di Catanzaro. Scrive poesia in lingua e vernacolo, da dieci anni condivide questa sua passione collezionando piccoli successi. Ha ricevuto il primo premio con il racconto La salita delle madri nell’ambito della II edizione del Concorso “Memorial Miriam Sermoneta” e si è classificata prima nel Concorso “U. Lafortuna” con la poesia in vernacolo contro il femminicidio, Mancu cu ‘nu hjuri.
Nuove parole, nuove emozioni. Eccoci con un'altra intervista. Oggi parliamo Agata Mazzitelli, Autrice del libro “Dal silenzio un colpo d'ala”.
Quando e come nasce 'Dal silenzio un colpo d'ala'?
Questo libro nasce da un desiderio maturato nel corso degli anni: creare una raccolta di poesie, frutto della passione per la parola scritta ed al tempo stesso bisogno di lasciare nero su bianco qualcosa del mio essere, della mia anima a chi si accosta alle mie liriche.
Quindi c'è un luogo o un momento particolare in cui dice: Ecco finalmente adesso scrivo questo libro?
Non un luogo, ma un momento, quello in cui riesci a trovare il coraggio
di ritrovarti con le tue parole sotto gli occhi di chi legge, si emoziona, ti ammira oppure ti critica, non più con una sola opera scritta, ma con un libro, il “tuo libro” .
Il destino ha voluto che coincidesse con i primi approcci alla lettura di mia figlia, questo ha rappresentato per lei ma anche per me un “regalo”, un premio a ricordo di questo piccolo traguardo nel’ambito scolastico.
“Dal silenzio un colpo d’ala” è una dedica alle persone che amo, la mia crescita come essere umano, un grido a situazioni che mi coinvolgono come donna e madre.
Ha un profilo Social? Ci vuole dare il suo Domicilio virtuale?

Ho un profilo su facebook “EnzoeAgataRomeo”
Mi permetta una battuta e mi faccia citare Marzullo: Si faccia una domanda e si dia una risposta.
La poesia salverà il mondo?
La poesia non salverà il mondo, ma se la parola scritta saprà emozionare allora significa che ha toccato il cuore a dimostrazione che l’amore, le emozioni sono universali.
Cosa le piace?
Che potremmo parlare di poesia all’infinito perché infinite sono le sfaccettature che la caratterizzano.
Cosa non le piace?
Che si trascuri nell’ambito scolastico l’importanza di parlare di sentimenti, di buoni sentimenti e di passioni, i ragazzi hanno bisogno di esprimersi, di rapportarsi su temi delicati, di condividere.
Adesso può scegliere. Immagini di dover scegliere. Per il suo libro si augurerebbe una traduzione in inglese o un'adozione universitaria?
Mi piacerebbe fosse tradotto in inglese.
Il suo pubblico ideale ha 20, 50 o 70 anni? Ha un target di riferimento?
Non ho un target di riferimento e penso sia un punto di forza, nelle mie liriche si ritrova una giovane madre, chi respira i propri affetti nella metafora della natura, un figlio, chi canta versi alla persona amata.
La bellezza della poesia è questa…ritrovarsi, cercare, sentire il cuore battere per un’emozione che si impossessa all’improvviso della tua anima.
Riprendendo la bellissima prefazione del profondo Felice Foresta “nel nostro cammino di debolezze e rigurgiti del passato, abbiamo bisogno dell’altro, che nel fabbisogno di amore e psiche, diviene custode ed ineludibile crocevia di sopravvivenza”.
Nella mia raccolta l’altro diviene ispirazione, palpito, faro che brilla, un soffio di eterno!
Saluti i suoi lettori con un aforisma o una citazione che parli di lei e delle sue emozioni...
Un caro saluto ai miei lettori con Pedro Almòvodar:
“Ho sempre pensato che le belle persone non siano né facili, né scontate…e nemmeno per tutti.
Le immagino come una rosa, non le puoi raggiungere sentendo solo il profumo.
Le belle persone hanno passati ingombranti, la pelle graffiata…per arrivare al cuore devi passare dalle spine.
Graffiarti, mischiare il sangue, asciugare lacrime…
Le belle persone non profumano, lasciano segni.
Graffiano.”
Sperando di lasciare un buon profumo ed un segno del mio vivere, grazie a tutti voi!
Agata Mazzitelli