Intervista a Catherine Lefebvre

L'Autore

Nessun dato inserito

Sei l'Autore?
Vuoi completare la scheda e inserire novità e completare il tuo curriculum letterario?
Clicca qui e aumenta la tua visibilità.

Il suo libro

Attraversando il Sahel

Diario

Acquista online

18/01/2021

Catherine Lefebvre è nata a Venezia da padre francese e madre italiana, risiede a Padova da molti anni. Attualmente lavora come informatore scientifico del farmaco. Nutre due grandi passioni: la Medicina Naturale e l’Off Road. Nel 1990 acquista il suo primo fuoristrada e nel 1992 intraprende la prima vera avventura alla scoperta del deserto. Dal 2009 è istruttore di guida sicura 4x4 professionale. Impegnata nel volontariato con all’attivo vent’anni in Protezione Civile, attualmente collabora con la Onlus Energia & Sorrisi. E&S nasce nel 2007 con l’intento di portare aiuti umanitari alle popolazioni più disagiate, grazie all’esperienza di due amici motociclisti che, durante un rally in terra d’Africa, si sono resi conto della povertà diffusa in quei luoghi..
Oggi l’autrice ci parlerà un po’ di sé e del suo libro “Attraversando il Sahel - Piccola storia africana”.
Ci vuole dire come mai è arrivata a questa pubblicazione?
Un lungo cammino … un diario di viaggio tenuto in un cassetto per molto tempo però con il desiderio di vederlo pubblicato un giorno con l’intento che potesse essere un modo per dare un piccolo aiuto ai meno fortunati. Devo ringraziare un collega di lavoro che mi ha dato questa opportunità, un giorno parlando del più e del meno mi confida che stava per pubblicare un suo scritto, incuriosita mi sono informata sul modus operandi,gli ho inviato il mio diario per aver prima di tutto un suo parere ed eccomi qua .
Quando e come nasce “Attraversando il Sahel - Piccola storia africana”?
Nasce a seguito di un viaggio o meglio una mission attraverso una delle zone più aride e povere della terra, il Sahel per consegnare aiuti ad una missione sperduta nel lontano Ciad.
Ha un profilo Social? Ci vuole dare il suo Domicilio virtuale?
Sì, ho il mio profilo FB e per lavoro sono presente in Linked’in.
Sta scrivendo? Ha altri progetti letterari nel cassetto?
No, non sto scrivendo, ho un progetto, un idea che accarezzo da lungo tempo ma è un impresa che comprende studi, ricerche, viaggi e in questo momento per motivi di lavoro difficile da realizzare, ma mai dire mai.
Riserviamo l’ultima parte dell’interviste a domande personali. Conosciamo meglio l’autore, ci racconti, di cosa si occupa? Si vuole raccontare e vuole raccontarci il suo mondo privato?
Sono una Naturopata, lavoro in ambito farmaceutico come informatore medico,il mio lavoro mi ha sempre appassionato sono cresciuta in questo ambiente mio nonno materno farmacista e informatore medico così come mio padre e mia mia mamma inizio anni ’80 ha aperto una delle prime erboristerie di Padova. Della mia vita strettamente privata mi piace mantenere una certa privacy.
Credo di poter dire di essere una persona abbastanza sportiva, nella vita grazie anche ai miei genitori ho praticato diverse discipline: ginnastica artistica, nuoto, sci, equitazione, tennis subacquea vela. Ho sempre avuto una grande passione per il mondo dei motori soprattutto rally che ho avuto modo di viverlo in prima persona come come co-driver ma anche come formatore. Quando ero adolescente la mia rivista preferita era Autosprint e il mio diario scolastico pieno zeppo di foto di rally del mio idolo campione indiscusso di allora: Sandro Munari,conosciuto poi in prima persona e di cui conservo gelosamente una autografo sull’attestato del mio Corso Navigatori Rally.
Mi piace molto camminare, dove vivo a Padova, ci sono bellissimi percorsi lungo corsi d’acqua proprio in città quando rientro, di solito a metà pomeriggio con la mia adorabile cagnolina usciamo per lunghe passeggiate, mi rilassa e scarica dalle tensioni del lavoro e dei molti chilometri che percorro in auto ogni giorno.
Cosa le piace?
Sicuramente Viaggiare, oggi causa pandemia è difficile far progetti e mi sento un po' come un leone in gabbia però non ho perso la speranza e ho molti progetti nel cassetto.
Cosa non le piace?
La falsità, l’ipocrisia, la mancanza di etica e di educazione, il consumismo e lo spreco.
Invece nella sua vita cosa reputa fondamentale?
Volersi bene e vivere in pace con se stessi mantenendo sempre vivi e presenti valori fondamentali come la sincerità, l’educazione e l’etica, con un occhio di attenzione per chi è più fragile o sfortunato.
Il libro più bello che ha letto negli ultimi 3 anni?
Di media leggo 3 4 o più libri al mese se calcoliamo in 3 anni siamo intorno ai 150 libri, difficile da dire; adesso sto leggendo la trilogia di Stieg Larsson, sono al secondo volume e mi appassiona molto.
C’è un motto, una frase o un aforisma che potrebbe caratterizzarla?
Carpe diem.