Intervista a Domenico Fargnoli

L'Autore

Nessun dato inserito

Sei l'Autore?
Vuoi completare la scheda e inserire novità e completare il tuo curriculum letterario?
Clicca qui e aumenta la tua visibilità.

Il suo libro

L'Italiano all'estero: passato, presente, futuro

Saggio antropologico

Acquista online

05/05/2021

Domenico Fargnoli è avvocato (in Italia), solicitor (in Irlanda), autore e commentatore, con una ventennale esperienza professionale a livello internazionale. Beniamino Fargnoli, giurista, storico, è autore di volumi di diritto, storia e argomenti sociali.
Oggi l’autore ci parlerà un po’ di sé e del suo libro “L'Italiano all'estero: passato, presente, futuro”.
Ci vuole dire come mai è arrivato a questa pubblicazione?
Il distaccamento dal mio Paese natio (Como), con il passare degli anni, ha amplificato la mia capacità di riflessione, autocritica e comparazione analitica. Il vivere all’estero per un ventennio mi ha svelato verità tanto palesi quanto invisibili a chi le vive ripetutamente giorno dopo giorno, senza doversi mai metteresti in discussione.
Quando e come nasce “L'Italiano all'estero: passato, presente, futuro”?
Nel corso degli anni, conversando al telefono con mio padre (co-autore), ci siamo resi conto delle molteplici sfaccettature della realtà che variano a seconda dalla prospettiva da cui le si osserva. L’idea del libro e’ appunto quella di approfondire le ragioni (sociali, culturali e/o storiche) che stimolano diversi modi di vista a livello individuale e fornire ai lettori utili strumenti interpretativi.
Ha un profilo Social? Ci vuole dare il suo Domicilio virtuale?
Sebbene abbia un account sia su Linkedin che su Facebook, intenzionalmente tendo a usarli di rado per restrizioni di tempo. Laddove i lettori siano interessati a inviare commenti, suggerimenti o anche critiche relativamente a quest’ultima opera, possono scrivermi al seguente indirizzo email: pfotepaw@gmail.com.
Sta scrivendo? Ha altri progetti letterari nel cassetto?
Sì. Mi reputo una persona molto fortunata e la ragione principale è che – ad oggi – ho avuto molte opportunità in questo mio primo quarantennio di vita. Sono risoluto a condividere le mie idee, esperienze e consigli tramite altre opere, al fine di - possibilmente - aumentare le opportunità di tante altre persone interessate.
Riserviamo l’ultima parte dell’interviste a domande personali. Conosciamo meglio l’autore, ci racconti, di cosa si occupa? Si vuole raccontare e vuole raccontarci il suo mondo privato?
Sono padre di quattro splendidi bambini che deliziano me e mia moglie dalla mattina alla sera. Quando loro dormono, io scrivo.
Cosa le piace?
Il concetto di efficienza e generosità, tra cui – secondo me - rientra l’aiutare gli altri, evitare loro inutili sofferenze e prevenire sprechi di ogni tipo.
Cosa non le piace?
Pregiudizi, ipocrisia e disonestà.
Invece nella sua vita cosa reputa fondamentale?
Avere i propri valori di rettitudine (qualunque essi siano) ed essere coerente nell’applicarli quotidianamente.
Il libro più bello che ha letto negli ultimi 3 anni?
Adoro leggere biografie di personaggi storici. L’autobiografia di Benjamin Franklin non è un libro particolarmente recente (fu scritto tra il 1771 e il 1790) ma l’ho letto in una edizione del 2020.
C’è un motto, una frase o un aforisma che potrebbe caratterizzarla?
“Guarda sotto la superficie: non lasciarti sfuggire la qualità o il valore intrinseco delle cose” come disse l’imperatore Marco Aurelio