Intervista a Marco Arusa

L'Autore

Nessun dato inserito

Sei l'Autore?
Vuoi completare la scheda e inserire novità e completare il tuo curriculum letterario?
Clicca qui e aumenta la tua visibilità.

Il suo libro

Alcune mattine

Racconti

Acquista online

05/08/2021

Marco Arusa è nato il 20 maggio 1977 a Milano, dove risiede attualmente. Ha esordito con il romanzo Mille chilometri dalla luna (2011), edito dalla Casa Editrice Kimerik.
Oggi l’autore ci parlerà un po’ di sé e del suo libro “Alcune mattine - In ogni altra Vita”.
Ci vuole dire come mai è arrivato a questa pubblicazione?
Dalla sensazione di dovermi “liberare” da ciò che ho provato nel dare una vita reale ai miei personaggi, per lasciar spazio ad altri. Avevo in mente già da tempo di raccogliere in un unico luogo tutti coloro che ho incontrato e che hanno lasciato un piccolo segno in me, tanto da trascriverne la storia personale.
Quando e come nasce “Alcune mattine - In ogni altra Vita”?
La stesura è nata nel giro di un anno, l’idea nasce da almeno otto anni. Trascorrevo del tempo al bar nella mia quotidianità e mi rendevo conto di essere circondato da persone reali che avevano storie incredibili alle spalle, zaini colmi di drammaticità e sensibilità, ma anche sregolatezza ed irrazionalità nei confronti di questa vita, insomma degli antieroi puri! Ragionai sul fatto che per un istante eravamo tutti assieme, nello stesso luogo, nello stesso istante, perfette palline lanciate in quest'assurda roulette. Mi fu chiaro che dovevo trascrivere tutto e cominciai col farlo su tovaglioli e ritagli di giornale, per non dimenticare nulla.
Ha un profilo Social? Ci vuole dare il suo Domicilio virtuale?
Instagram e Facebook, nome e cognome, non sono un fanatico ma tendenzialmente cerco sempre di aggiornare le mie pagine per renderle attuali.
Sta scrivendo? Ha altri progetti letterari nel cassetto?
Sto lavorando ad un nuovo Romanzo. Sono letteralmente stato rapito da una storia che avevo in pancia, non vedevo l’ora di avere “spazio” per lavorarci. Ora è giunta al suo momento. Ci sono idee che ti frullano per la testa continuamente, quasi ossessivamente da non poterle ignorare. Questo accade nella testa di uno scrittore, penso avvenga anche per i cantautori o artisti in genere, e citando Charles , “ti esplode dentro, a dispetto di tutto” “nelle viscere”, tanto da non riuscire a liberartene se non ad opera compiuta. Non importa poi, se sia il capolavoro della vita o la più terribile delle trascrizioni mai scritte. È “Robba” tua, andrà bene lo stesso.
Riserviamo l’ultima parte dell’interviste a domande personali. Conosciamo meglio l’autore, ci racconti, di cosa si occupa? Si vuole raccontare e vuole raccontarci il suo mondo privato?
Certamente. Sono un piccolo imprenditore, ci occupiamo della realizzazione di “bagni” dalla a alla zeta. La mia azienda si chiama Living Bagno e potete trovarci in rete o direttamente presso il nostro Showroom in provincia di Milano dove ci occupiamo di tutti gli aspetti legati alla ristrutturazione del bagno completa dal 2009. (Grazie della Marchetta gratuita!!!). L’idea di realizzare progetti “reali” mi ha da sempre accompagnato, tanto da divenirne infine un lavoro. Parlare con le persone , comprenderne i contorni e poter essere il braccio che realizza le loro idee, dà molta soddisfazione. Non da meno, sono marito e padre di una sfrenatissima bambina di 6 anni che assorbe in un giorno le medesime energie che pongo in un mese di lavoro!
Cosa le piace?
Nel mio tempo libero diurno (poiché in alcune ore notturne scrivo), scivolo lungo strade dissestate e pendenti alla follia con la mia Mtb , gioco a golf e tolgo la polvere dal mio pianoforte.
Cosa non le piace?
Perdere tempo in generale, che sia con alcune persone o con letture inappropriate poco importa.
Invece nella sua vita cosa reputa fondamentale?
Agire, e lasciar spazio agli altri. Si è talmente indaffarati nella propria storia personale che ci si dimentica spesso di far parte di una comunità che funziona solo se i rapporti e le relazioni interpersonali sono bene oliate.
Il libro più bello che ha letto negli ultimi 3 anni?
Non so se sia davvero il più bello, però certamente il più geniale che abbia letto ultimamente “Il Calamaro Gigante” di Veronesi.
C’è un motto, una frase o un aforisma che potrebbe caratterizzarla?
Non è mai tardi per sentirsi bambini. (bella questa, mi è venuta di getto, ora me la segno).