Intervista a Rocco Pardo, autore del Libro “Amarsi – Ricordi di amori vissuti e persi”

Nato a Palagonia, un paese vicino Catania, il 3 dicembre 1961, Rocco Pardo ebbe la sua prima esperienza “poetica” nel 1996, quando, su suggerimento di un amico e collaboratore, partecipò alla prima rassegna di poesie in onore di Stefano Susini. In questa occasione il componimento Amarsi (presente anche in questa raccolta) ricevette il primo premio. Oggi l’autore ci parlerà un po’ di sé e del libro “Amarsi – Ricordi di amori vissuti e persi”.
Ci vuole dire com’è arrivato a questa pubblicazione?
Salve a tutti, già dagli anni ’80 ho partecipato ad un’inserzione pubblicitaria che diceva “ mandate i vostri scritti e tra i premiati pubblicheremo il libro”. Mi sono accorto che non era così, ma era a pagamento e non potendo permettermelo non ho fatto più niente. Dopo alcuni anni mi sono informato (tramite un amico che aveva pubblicato un libro di poesia, con il suo editore), tanti complimenti per le poesie, ma il risultato era lo stesso. Dopo il 1° premio nel 1996 ed il 3° premio nel 2000 non ho cercato più di pubblicare. Quest’anno 2021, volevo festeggiare il mio compleanno (60 anni), ed ho pensato di pubblicare le mie poesie, ho mandato la raccolta a varie case editrici, e tutte mi hanno fatto delle offerte (sempre con il pagamento delle copie da acquistare). Alla fine ho deciso di accettare l’offerta della Kimerik che ho ritenuto la migliore. Dopo un’eccellente fase di editing e di grafica, finalmente il libro ha visto la luce il giorno del mio sessantesimo compleanno con la mia completa soddisfazione.
Quando e come nasce “Amarsi – Ricordi di amori vissuti e persi”?
La raccolta inizia dalle scuole superiori, dove negli ultimi due anni ho iniziato ad appassionarmi alla storia ed alla letteratura e poi iniziavo a giocare con le rime che ci scambiavamo con una ragazza. Da lì attraverso le varie esperienze, positive e negative, d’amore ho iniziato a scrivere poesie e la prima raccolta di poesie l’avevo intitolata “Ricordi del cuore”. Dopo la premiazione del 1996. con la poesia “AMARSI”, che racconta la storia di un amore vissuto in silenzio per una ragazza, che da una lunga amicizia, si è trasformata in un amore debole (eravamo fidanzati) e poi di nuovo ad un’amicizia ancora più forte e come dico alla fine della poesia “innamorarsi di te, non è amarsi”. È stato un forte amore platonico che racconto più dettagliatamente nel Qr code della poesia che il lettore/ice può leggere con un lettore di qr code, ormai utilizzato da tutti. Nel gennaio di quest’anno (2021), quando mi sono convinto che volevo pubblicare il libro, l’ho registrato alla SIAE con il titolo della poesia che mi rappresentava di più e che mi ha dato una grande soddisfazione.
Ha un profilo Social? Ci vuole dare il suo Domicilio virtuale?
No, non ho nessun profilo social.
Sta scrivendo? Ha altri progetti letterari nel cassetto?
Sto cercando di ampliare la mi biografia attraverso i qr code, effettuando una ricerca tra foto, lettere, cartoline e diari che ancora conservo, ho trovato altre poesie che avevo scritto e tralasciato e che adesso sto riprendendo e se avrò altro tempo, di scriverne altre.
Riserviamo l’ultima parte dell’intervista a domande personali. Conosciamo meglio l’autore, ci racconti, di cosa si occupa? Si vuole raccontare e vuole raccontarci il suo mondo privato?
Dopo la laurea, sono andato a lavorare in Sardegna come responsabile del laboratorio chimico in un’azienda, oggi in un’altra azienda lavoro come impiegato tecnico nel controllo delle analisi, che vengono eseguiti da altri laboratori. Nel 2002 il 25 ottobre ho incontrato la ragazza di cui mi sono innamorato e che oggi è mia moglie.
Cosa le piace?
Nei qr code del libro ho inserito oltre particolari della mia vita, i libri, i film, la musica e le arti visive che mi piacciono e con il tempo inserirò i quadri che io e Francesca (e sua la copertina del libro), abbiamo fatto.
Cosa non le piace?
La gente che parla di cose, che non ha mai visto né capito (i politici).
Invece nella sua vita cosa reputa fondamentale?
L’amore, l’amicizia, il rispetto e la verità.
Il libro più bello che ha letto negli ultimi 3 anni?
La saga dei sei volumi di Ayla la figlia della terra, di cui parlo anche nei qr code.
C’è un motto, una frase o un aforisma che potrebbe caratterizzarla?
Ce ne sono diverse “Non rimandare a domani ciò che puoi fare oggi” e poi la classica “ non fare agli altri quello che non vorresti fosse fatto a te” (Matteo 7:12).

Vi lasciamo il link del libro e la scheda dell’autore!

Alla prossima emozione condivisa e buona lettura:

Link del Libro

Pagina dell’autore